In arrivo 200mila euro, finanziato il progetto “e-Garf: e-government Garfagnana”. Prevista la realizzazione di una piattaforma unitaria per la gestione del governo del territorio, dell’edilizia e dei lavori pubblici

Novembre 6, 2020

Arrivano nuove risorse, 200mila euro dal fondo regionale per la montagna grazie allo sforzi progettuale del Servizio tecnico assetto del territorio, forestazione e protezione civile dell’Unione Comuni Garfagnana a seguito della presentazione del progetto “e-Garf : e-government Garfagnana” al bando dedicato ad azioni di sostegno della competitività de sistema montano e dei suoi servizi. Con questa opportunità l’Unione Comuni Garfagnana, a fronte di un cofinanziamento di circa 20mila euro, svilupperà una piattaforma unitaria ed integrata per la gestione del governo del territorio, dell’edilizia e dei lavori pubblici al servizio dell’Ente e di tutti i 14 comuni che lo compongono. Obiettivo principale è il miglioramento dell’efficienza e della qualità dei servizi offerti dai 15 Enti (Unione + 14 comuni), mediante dematerializzazione dei documenti, completa informatizzazione dei flussi documentali e dei procedimenti, facilità e rapidità di accesso alle informazioni, archiviazione digitale a norma. L’adozione unitaria da parte di tutti i comuni dell’Unione della stessa piattaforma incrementerà l’interoperabilità tra gli enti, la possibilità di collaborazione interistituzionale, la collaborazione del personale per una gestione coordinata del territorio e dei procedimenti, riducendo le duplicazioni e razionalizzando costi e tempi.

L’iniziativa è volta a favorire le politiche di e-Government e semplificazione amministrativa che prevedono il coinvolgimento, la partecipazione dei cittadini ai processi decisionali ed il miglioramento dei rapporti diretti con i cittadini e le imprese attraverso lo sviluppo di uno strumento informatico innovativo in grado di sostenere la trasformazione digitale secondo i presupposti dell’Agenda digitale, secondo un approccio integrato e coordinato, sostenendo la possibilità di lavoro agile, condividendo le risorse digitali e potenziando la qualità dei servizi offerti.

Un punto di forza del progetto è il potenziamento del S.I.T. (Sistema Informativo Territoriale) in dotazione all’Unione Comuni, al fine di sviluppare una Web Application GIS per la gestione delle pratiche edilizie completamente integrata con il sistema di inoltro telematico delle istanze edilizie dello sportello online, della gestione della pianificazione del territorio e della gestione dei lavori pubblici. È importante evidenziare che il potenziamento dell’infrastruttura S.I.T. è trasversale alle molteplici attività sviluppate dall’Ente e risulta un componente strategico nella gestione del territorio in tutte le sue complessità.

Ad esempio, durante la recente pandemia da Covid-19, l’ausilio della tecnologia S.I.T. ha permesso all’Unione dei Comuni di fornire un monitoraggio georeferenziato della diffusione dell’epidemia in tempo reale, permettendo una più facile gestione dell’emergenza e un miglior coordinamento tra le diverse realtà operative (Azienda USL, Forze dell’Ordine, Polizia Locale, Amministrazioni Comunali, Protezione Civile, GEA Azienda incarica allo smaltimento di rifiuti speciali).

Il Presidente dell’Unione Andrea Tagliasacchi:” L’Unione Comuni, per missione propria,  aggrega i servizi e promuovono lo sviluppo locale ed è il fronte ideale da utilizzare per innestare la transizione al digitale, non solo acquisendo insieme applicativi, bensì introducendo nuove tecnologie e definendo percorsi di crescita e sviluppo per migliorare i servizi della PA, ai cittadini, alle imprese. La svolta tecnologica deve essere il motore della trasformazione, lo strumento di ridisegno del sistema di governo del territorio. Perché ciò accada, però, occorre abbandonare la strada perdente dei singoli progetti, per portare il digitale e le sue potenzialità al cuore delle decisioni istituzionali e organizzative. I progetti dovranno concentrarsi sulle potenzialità delle “smart valley” e sulle “green communities” individuando nuovi servizi fruibili nelle aree montane e interne attraverso la banda ultralarga, impiegando standard relativi ai sistemi informativi, gestionali e operativi che permettano una relazione stabile, permanente, efficiente tra gli Enti, capace di garantire migliori servizi, ai cittadini e alle imprese”.

Please follow and like us:
Pubblicato nella categoria News