DELEGAZIONE GIAPPONESE IN VISITA PER STUDIARE IL MODELLO DI SVILUPPO RURALE ATTIVATO DALL’UNIONE COMUNI GARFAGNANA

Febbraio 22, 2013

PUPPA: APPREZZAMENTO PER LE  ATTIVITA’ SVILUPPATE  NELLE POLITICHE RURALI.

delegazione-giapponese-compressa.JPG

  

incontro-delegazione-giapponese-compressa.JPG

Una delegazione dell’Università Giapponese di Kagoshima ha fatto visita all’Unione Comuni Garfagnana per studiare esempi da cui poter ricavare suggerimenti per le politiche rurali giapponesi, considerando il ritardo e i problemi strutturali dell’agricoltura giapponese nell’ambito dello sviluppo rurale. 

L’Università di Kagoshima situata nel sud dell’arcipelago Giapponese è al centro di un’area ricca di emergenze naturali e incentrata sull’attività agricola, basata in particolare sull’allevamento di bovini da carne e sulla coltivazione di tè verde.

 Il gruppo, coordinato dall’Istituto nazionale di Economia Agraria, ha avuto modo di discutere del ruolo degli enti territoriali sia nell’implementazione delle politiche e programmi comunitari, nazionali e regionali, sia nella programmazione e attuazione di iniziative autonome, finalizzate allo sviluppo complessivo del territorio, dalle produzioni agroalimentari di qualità al turismo, che in Garfagnana hanno raggiunto una delle massime espressioni a livello nazionale.

In Garfagnana il gruppo, composto da 5 professori di economia agraria e guidato da Izumi Iwamoto, già preside della facoltà di agraria dell’Università statale di Kagoshima, ha discusso i temi dello sviluppo dell’economia rurale, cercando di capire l’interazione tra programmi pubblici (UE, Stato, enti locali), produzioni di qualità e le realtà del territorio. 

A partire dal 2000 i processi di sviluppo rurale, legati alla valorizzazione delle risorse locali, hanno portato ad importanti risultati quali il rallentamento dello spopolamento, all’incremento del valore delle produzioni locali e l’aumento sensibile delle presenze turistiche, ormai sostanzialmente stabilizzate, nonostante le difficoltà generali dell’economia e che contribuiscono ad apportare oltre 5 milioni di euro l’anno sul territorio. 

Con queste premesse l’Unione Comuni Garfagnana si propone come leadership per le nuove strategie per lo sviluppo delle politiche comunitarie verso Europa 2020 che saranno in parte focalizzate proprio sulle identità territoriali specifiche (place-based).   La governance locale per essere davvero il volano dello sviluppo del territorio, deve farsi trovare pronta per i nuovi strumenti di programmazione, sempre più caratterizzati dalla collaborazione tra pubblico e privato, per il raggiungimento di obiettivi comuni. 

Grande soddisfazione esprime il Presidente dell’Unione Comuni Garfagnana Mario Puppa che insieme al Dirigente della Direzione Gestione del Territorio e Sviluppo economico Sandro Pieroni ha accolto la delegazione giapponese, manifestando viva soddisfazione per le parole di apprezzamento a conferma delle eccellenze delle pratiche rurali attivate dall’Unione Comuni.

 

Please follow and like us: